DIANA – Il nuovo programma di ricerca della NATO

In arrivo un fondo da 1 miliardo per le start-up high-tech.

Il nuovo programma di ricerca della NATO intende riunire l’industria, le start-up e il mondo accademico per la ricerca di nuove tecnologie in grado di affrontare sia i problemi della società sia le questioni di sicurezza nazionale, e potrà contare su un fondo di 1 miliardo di euro.

L’acceleratore di innovazione della difesa per il Nord Atlantico si sta concentrando su tecnologie come l’intelligenza artificiale, l’elaborazione di grandi dati, le tecnologie quantistiche, l’autonomia, le biotecnologie, i nuovi materiali e lo spazio.

Nella sua fase iniziale, DIANA gestirà una rete di più di 10 siti di accelerazione e oltre 50 centri di prova nei centri di innovazione nei paesi dell’alleanza NATO. L’obiettivo è quello di dare agli innovatori i mezzi per portare le tecnologie a doppio uso più vicine al mercato.

Al momento non è ancora stato annunciato alcun budget per la rete, ma le attività pilota sono previste iniziare nell’estate del 2023, con l’obiettivo di essere pienamente operative nel 2025.

Maggiori informazioni al seguente link.