Robotica medica, Politecnico di Milano in prima fila nel progetto europeo Robotics Dih – Hero

Non solo in fabbrica: i robot che vedremo sempre più spesso all’opera si troveranno nelle corsie degli ospedali.

Un orizzonte che la Commissione Europea ha ben presente, tanto da avere deciso di finanziare con 16 milioni di euro il progetto Digital Innovation Hub in Healthcare Robotics (Dih – Hero), che prevede la creazione di una piattaforma per accelerare l’innovazione e l’implementazione della robotica per la salute.

Il Politecnico di Milano è uno dei tre hub italiani, insieme all’Università Sant’Anna di Pisa e all’Istituto Italiano di Tecnologia.

Con Dih – Hero, la Commissione vuole assicurarsi che prodotti e servizi siano sviluppati in maniera efficiente lungo tutta la filiera della robotica medica. La piattaforma, dopo una prima fase finanziata dall’Europa, dovrebbe diventare auto sostenibile e avrà come scopo anche quello di condividere le conoscenze, stimolando gli investimenti da parte di finanziatori esterni.

Al momento sono 17 i partner del progetto – undici le nazioni partecipanti – coordinato dall’Università di Twente (Paesi Bassi). Il mercato della robotica ospedaliera è in forte ascesa: oggi vale circa 6,46 miliardi e secondo un rapporto di Markets and Markets, entro il 2023 raggiungerà un giro d’affari pari a 16,74 miliardi di euro. In particolare, l’ambito di possibile utilizzo dei robot in campo medico è vastissimo e comprende riabilitazione, radio-chirurgia non invasiva, industria farmaceutica. E le eccellenze in questo settore sono ormai moltissime in tutta Italia.